TAGLI DECORATI

Binding

Esempi di tagli decorati secondo le tecniche del taglio avorio, taglio dorato e tagli grafite.
Dopo la cucitura i tagli del libro vengono portati a misura, quindi il blocco viene posizionato
nella pressa da finitura tra due cartoni di lavoro e inizia il paziente lavoro della scartavetratura,
con carte vetrate di varia grammatura, dalla più pesante alla più fina,
per far diventare il taglio lucido e uniforme.
Dopo un’ora circa, si ottiene in questo modo il taglio avorio, che può essere reso ancora più lucido
usando il brunitoio d’agata.

Per il taglio con foglia d’oro il procedimento è simile, ma molto più lungo.
La fase di scartavetratura dura molto di più, anche una giornata intera,
per essere sicuri di aver uniformato al massimo e di aver eliminato ogni impurità.
Trattando il taglio, i cartoni da lavoro, anch’essi sottoposti alla frizione, cambiano progressivamente colore,
fino a raggiungere un lucido grigio scuro.
Già da questo punto in poi, è bene non toccare più il taglio con le dita, o soffiarci sopra;
impurità della pelle o grasso impedirebbero alla foglia di aderire.
Terminata questa fase, il taglio viene trattato con colla d’amido e terra rossa (bolo) prima di applicare l’albume
e la sottile foglia d’oro.
Dopo aver deciso se dare un secondo o terzo strato,
il taglio viene fatto brillare maggiormente con il brunitoio d’agata.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *